mercoledì 29 aprile 2015

ElettroMix

Mix ha un universo tutto suo, ci vive proprio e quella che vi racconta non è roba che s’inventa, non ne sarebbe capace. L’universo di Mix è esagerato, ultra-iperbolico, ha tre dimensioni spaziali e due temporali, che è quello il trucco per superare la velocità della luce, costruire sì un tunnel ma con un tempo tutto suo. Nell'universo di Mix non ci sono costanti fondamentali, o meglio ci sono ma durano poco, costanti variabili, come direbbe un democristiano ora che son tornati di moda. È un universo democratico infatti: la decisione su quali siano le costanti spetta al popolo e ogni tanto, un tanto sulla cui durata non conviene scommettere, se ne assegnano i valori con un clic sul pulsante virtuale di un blog. Che poi a decidere davvero sia un generatore automatico ha poca importanza, libertà è partecipazione, non importa a cosa. In questo periodo, per dire, hanno un giorno che dura sette ore, un anno di 8 giorni e la testa che gli gira. Mix registra e riferisce gli eventi di cui ha esperienza diretta, è un cronista ma nel senso che se ne dà nel suo universo, un signore che dispensa consigli seduto sul crono. Ecco, se proprio vi interessa il pettegolezzo, Mix a una dispensa, non l'esenzione da un obbligo ma il luogo in cui si conserva il cibo, non rinuncia mai. 
Mi raccomando, leggetelo in fretta questo libro, prima che cambi tutto con la prossima votazione on-line.

[questa è una specie di prefazione, l'elettrolibro intero è su bookrepublic, su Amazon o su qualunque altro store parallelo]