lunedì 14 maggio 2012

Il fattore ics

Non ci si sta più dietro a questa storia ma ormai è così, certe cose, quando cominciano, è difficile fermarle. Me la ricordo la prima volta, cominciarono coi libri. Gli editori, che non vendevano più nulla, organizzavano concorsi tra scrittori sconosciuti, tre minuti per scrivere un racconto e tre per leggerlo a voce alta. La giuria degli esperti ed il pubblico in sala e sul web decretavano il vincitore, quello che avrebbe guadagnato un contratto da scrittore vero. Era la risposta del sistema all'auto-pubblicazione, includere regalando visibilità.
Si racconta che prima ancora erano stati i cantanti e i divulgatori di scienza, ma non sono sicuro, è passato troppo tempo, non so, secondo me ci si può credere. Quello che conta però è che ora funziona tutto così, è la nuova democrazia. Oggi, per esempio, scelgono la nuova cassiera al centro commerciale. Si sfidano in dieci, tre minuti per ciascuna, davanti alla cassa. Poi si vota e chi vince diventa una celebrità, visita i supermercati del paese e cambia i rullini di carta davanti a tutti, la gente guarda, applaude e compra. 
Ora lavoriamo tutti così, siamo vincitori di un concorso o giudici, vecchie celebrità a riposo. Io, per esempio, ho scelto la politica. Ci siamo sfidati uno contro l'altro a chi mentiva meglio, come nei vecchi duelli televisivi. Ho vinto un posto in parlamento per un anno e un tour di cento date, cento comizi in tutta Italia. Mi son divertito.
Posta un commento